E la vita continua…

E’ tornato settembre e le vacanze sono terminate.
E sono tornati tutti, da Lerner su la7, a Ballarò a Vespa… Ciò purtroppo segna anche il ritorno dei soliti politici, belli abbronzati per somigliare ad Obama.
Ieri sera a Ballarò ho cercato di seguire Renzi che ha un’ottima parlantina ma nonostante il periodo estivo, le idee non le ha cambiate. E ripete a memoria quindi il dimezzamento dei parlamentari, il populismo come rifugio per il periodo che l’Italia vive e il recupero dell’evasione fiscale senza proporre il come.

Il problema è tutto qui: il COME.

Come mettere in pratica tutte le parole dette senza scontentare chissà chi? Io le idee le ho, ma mi piacerebbe sentire cosa hanno da dire loro.
E nessuno di loro mai mi da la soddisfazione di sentire che il problema analizzato si risolve con i passi determinati dall’analisi.
Sono convinto che il tempo a loro dedicato durante le trasmissioni di approfondimento sia ampiamente sufficiente a dare le dovute spiegazioni

Renzi, in mezzo al mare di parole non ha minimamente annunciato al fatto che tanti politici hanno intascato indebitamente denaro e nessuno lo va a riprendere. Non ha detto parola su una legge che punisca severamente i politici corrotti e che sia di ferro e non sia aggirabile. Non ha parlato che ormai ci sono industrie vecchie nel paese che è proiettato verso il terziario puro e quindi quelle industrie si devono adattare al mondo che avanza.

Forse sono estremista, ma io farei così. Grillo per il suo movimento a 5 stelle ha buttato giù un bel programma, articolato in pochi punti.
Sono convinto che Grillo ora sia sulla scia perché gli altri non hanno nulla da offrire tranne insulti reciproci, ma la sola adozione ferrea di quei pochi punti per partire pi a sviluppare qualcosa di più complesso, sarebbe già un passo avanti per tutta la nostra politica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.